wall:out cresce

Wall:out è un progetto che cresce. Vuoi farne parte?

Podcast, Video, Featuring e tante novità!

178 views
5 min

Il sasso nello stagno lo abbiamo gettato, e a distanza di quasi sei mesi possiamo osservare le onde che abbiamo generato: un grande risultato per un progetto che continua ad avere una grande ambizione.

Chi siamo? Nello specifico, è tutto più o meno descritto qui. Ma per riassumere, effettivamente, siamo i giovani genovesi che amano le cose positive del vivere insieme: gli eventi, le arti, la narrazione. Siamo tante particelle di un organo che sta iniziando a muoversi; piuttosto che un numero preciso di persone identificabili, ci piace di più definirci un grande gruppo che ha trovato la sua forza nell’eterogeneità e nell’apertura. 

Amiamo il dialogo e per questo sappiamo che l’apertura è la prima condizione per arrivare lontano: ci piace discutere con intelligenza, ci piace sorprenderci ignoranti e cambiare idea, ci piace costruire strade imprevedibili, nuove, ma che arrivano sempre un po’ più lontano.

Ecco perché oggi abbiamo bisogno di più persone, più idee, più teste pensanti: stiamo per decollare, ci manca ancora poco! 

Le imprevedibili strade che abbiamo creato con il contributo di tutti i collaboratori ci hanno portato oggi a un punto di svolta, eccoci qui, infatti, con tante belle novità e una volontà più forte.

Quali sono le novità che presto vedrete su questi schermi? E in che modo potete collaborare?

Alla seconda domanda lasciamo rispondere voi – ogni proposta o manifestazione di interesse è sempre ben accetta. (Chi ha orecchie per intendere… ci siamo capiti.)

Alla prima, invece, rispondiamo con delle brevissime anteprime:

PODCAST

Fin da aprile abbiamo potuto vantare podcast aggiornati quotidianamente sul nostro canale Spotify (noi soli tra le realtà di comunicazione a Genova!), ma adesso è arrivato il momento di fare più sul serio: da settimane stiamo immaginando e discutendo una nuova frontiera per amplificare i contenuti del magazine e favorire il dialogo a più voci, con tanti invitati e ospiti speciali. Stiamo costruendo delle situazioni davvero interessanti, rimanete sintonizzati perché sono in arrivo delle bombe!

SOCIAL

Come si dice, vogliamo metterci la faccia. I più attenti avranno già notato un piccolo restyling nelle stories di Instagram, ma per tutti gli altri: non temete, stiamo per fare davvero sul serio! Al momento ancora non pretendiamo di essere social quanto i Ferragnez (- al momento), ma abbiamo i nostri riferimenti: da Il Post, passando per Rivista Studio, per arrivare ai mitici ragazzi di Will Ita. Condite il tutto con qualche video divertente, focaccia e Bigo, e ci siamo.

VIDEO

Qualcuno ha detto video? Ebbene sì, quello che al momento è il nostro tallone d’Achille in futuro sarà uno dei nostri cavalli di battaglia. Quanto sarebbe bello accompagnare i nostri articoli con contenuti video originali? Oppure addirittura creare un canale video indipendente all’interno del magazine? Ci serve ancora qualche mese, tanta buona volontà e nuovi collaboratori, ma è come se fossimo già lì.

FEATURING

Featuring, questo sconosciuto. Alzi la mano chi non ha capito in cosa consiste il progetto featuring di Wall:out! Va bene, quella che idealmente è la parte più innovativa (escludendo tutti i contenuti, che belin sono troppo innovativi) di Wall:out è anche la parte che genera più difficoltà nei lettori: nessuna paura, stiamo lavorando per migliorarne la fruizione.

Al momento i progetti che collaborano ai featuring sono solo due (Mixta e EdArte), ed è una coincidenza che entrambi abbiano a che vedere con l’arte. Immaginatevi una lista di almeno una decina di featuring nel menù a tendina in alto a sinistra: tante realtà diverse, dalle associazioni alle fondazioni, dai locali alle librerie, che tramite wall:out sviluppano il loro canale di comunicazione indipendente, che sia temporaneo oppure fisso. Allora sì che potremo parlare di Wall:out come un vero canale di comunicazione!

Conclusione: siamo belli svegli e in moto, se tra i lettori c’è qualcuno che si sente come noi, non perda altro tempo e ci scriva subito!

*Campi obbligatori

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Rex
Articolo Precedente

Il Rex, un sogno galleggiante durato troppo poco

Giuseppe Mirigliano
Prossimo Articolo

Giuseppe Mirigliano. La parte per il tutto, il tutto per le parti.

Ultimi Articoli in Medium