Giornata Mondiale del Libro

Un popolo che non legge è un popolo spento

Oggi si celebra la Giornata Mondiale del Libro. Dedicarsi alla lettura è un piacere, ma può trasformarsi in un investimento a impatto positivo.

126 views
5 min

Oggi, 23 aprile, è la Giornata Mondiale del Libro e del diritto d’autore. Francamente è una data che fino a poco tempo fa non tenevo neanche a mente, eppure adesso provoca in me una serie di riflessioni. C’è stato un momento di svolta, un turning point, nella mia vita da lettore. Risale al marzo del 2017.

Allora, per il mio compleanno, decisi di invitare un po’ di amici in casa e di farmi regalare da ciascuno di loro (o anche soltanto prestare) il più bel libro che avessero mai letto.

È stata un’esperienza illuminante.
Mi ha spalancato interi mondi. 

Sulla cassapanca in legno all’ingresso di casa mia, reale custode del corridoio che conduce a tutte le stanze, feci appoggiare i doni cartacei. C’era di tutto, dalle tragiche avventure di Krakauer sul K2 raccontate in Aria Sottile, alle autobiografie, dal fascino di Shantaram ai drammi raccontati in Mille splendidi soli.

Alcuni volumi avevano le pagine segnate, altri sembravano immacolati. Alcuni erano scoperti, altri avvolti in un pacchetto di carta marroncina. 

Nove mesi: questo è il tempo che impiegai per gustarmi tutti i titoli. 
Un periodo che ha radicalmente mutato il mio approccio nei confronti della lettura. 

Fino ad allora avevo sempre letto una volta ogni tantomagari prima di andare a dormire. La scusa del poco tempo a disposizione ha retto per molti anni. La realtà, come sempre, sta in come impieghiamo il nostro tempo. Averne dedicato parecchio ai libri è stato il più bell’investimento che potessi fare negli ultimi cinque anni. 

Leggere sensibilizza la forma mentis, apre sentieri intellettuali che possono riverberarsi nella concretezza di tutti i giorni, espande la curiosità come se fosse un gas. I punti di vista degli autori possono innestarsi in quello che è il vissuto di ognuno, arricchendo il serbatoio mentale. 

Ciò che conta di più, a mio parere, è l’ampliamento del proprio potenziale espressivo.

Parola è sinonimo di potere

A seconda di come la si declina, può innescare conseguenze pessime o virtuose; in ogni caso, avere dentro di sé una gamma eterogenea e in continuo aggiornamento di spunti espressivi e di idee può fare la differenza. Avere molte traiettorie lessicali con cui dare contorno e descrizione alle proprie esperienze può fare la differenza.

Prendiamo come metafora una cassetta degli attrezzi, che rappresenta il nostro cervello. Supponiamo che abbia dentro un grosso martello e una buona quantità di chiodi. Questo è ciò che possediamo senza aver letto un granché. 

Certo, possiamo metterci a piantare chiodi sui muri come un ossesso e appendere quadri, ma per compiere qualche genere di operazione più complessa avremo bisogno di cacciaviti, di pinze, di chiavistelli e di un metro. Di altri strumenti insomma. 

La lettura, dal canto suo, può offrire un aiuto immenso nel diagnosticare stati d’animo e sentimenti altrimenti difficili da decifrare, nell’incorniciare situazioni, ma soprattutto nel suggerire nuovi e continui punti di vista. Molti grandi scrittori sono stati anche voraci lettori, non è certo un caso.

Una biblioteca personale solida può dunque consegnarci molteplici strumenti con cui valutare la realtà che ci circonda, andando a rendere maggiormente completa la nostra cassetta degli attrezzi cerebrale.

Genova, oltretutto, è una città che si presta benissimo al relax letterario, tra scogliere, panchine sul mare e spiagge.

Qui su wall:out abbiamo avuto modo di parlare di luoghi fisici e virtuali come il Silent Book ClubLìbrido, che uniscono un’idea di socialità a quella di tranquillità dettata da un buon libro. Insomma, i presupposti ci sono e sono buoni per poter investire maggior tempo nell’immergersi in qualche trama narrativa.

Ricordiamoci che un popolo che legge è un popolo vivo.

Immagine di copertina:
Foto di Pietro B.


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.
Oppure scrivi un commento nel form qui sotto.


Classe ’95. Laureato in Scienze Internazionali e in Storia contemporanea.
Innamorato del mondo e con un semestre in Norvegia alle spalle.
Nel giugno 2018 ha fondato il progetto editoriale Frammenti di Storia, che porta avanti quotidianamente insieme a giovani da tutta Italia. Appassionato di geopolitica, di trekking e di vita outdoor in genere. Sta poco fermo.

Ponte Sifone
Articolo Precedente

L’unico (ma timido) itinerario aereo su Staglieno: Ponte Sifone

Oro blu
Prossimo Articolo

L’oro blu | I consigli di Zena Verde

Ultimi Articoli in Medium

Identità liquide

Un tentativo di riflessione sul discusso rapporto tra social e identità: cosa significa davvero essere digitali?