Zena Verde

ZENA VERDE | Una nuova coscienza ambientale

Zena verde si presenta come fonte di informazione e cambiamento. Giulia e Marta vi accompagneranno verso la consapevolezza e la voglia di partecipare per trasformare la nostra città blu un po’ più verde.

299 views
5 min

Al giorno d’oggi abbiamo indubbiamente a disposizione una grande quantità di informazioni a cui accedere nei più svariati modi; tuttavia, se questo può essere considerato un vantaggio, spesso può essere anche dannoso, se l’informazione non viene comunicata nel modo corretto. Zena Verde

Il fenomeno dei cambiamenti climatici è conosciuto ormai da ognuno di noi, in un modo più o meno approfondito, ciascuno in relazione alla propria sensibilità sul tema. Il problema più grande, però, riguarda la sua comunicazione. Quando si parla di cambiamento climatico, infatti, non ci rendiamo conto della reale complessità e vastità del fenomeno, a tal punto che la difficoltà nel comunicare tale emergenza risulta sempre più difficile. 

Una domanda sorge spontanea al riguardo: che tipo di comunicazione può funzionare per tale tema?

Si potrebbe rispondere a questa domanda facendo riferimento a 2. tre tematiche fondamentali (SISSA – Il coinvolgimento civico nel cambiamento climatico): la prima si rifà alla conoscenza, perché attraverso lo storytelling si possono tradurre informazioni scientifiche in un linguaggio comprensibile a tutti; poi vi è la consapevolezza, quindi la presa di coscienza di quelle che sono le problematiche che affliggono il nostro pianeta.

Ma il punto più importante è il passaggio all’azione.

Ed è quando parliamo di azione che entra in gioco il ruolo che ogni individuo può ricoprire per essere parte della soluzione. Tuttavia, troppo spesso l’atteggiamento verso l’ambientalismo è quello di prenderne le distanze, pensando che tutti gli eventi “eccezionali” – ormai all’ordine del giorno – non dipendano strettamente da noi, che i veri responsabili siano le grandi industrie e le scelte azzardate dei potenti.

Zena Verde
Porta Soprana, Genova. Foto di Marta G

Ma la responsabilità è anche nostra. Nostra perché non prendiamo sul serio argomenti come il riciclo e scelte più sostenibili, o peggio, che non rispettiamo i nostri mari inquinandoli con plastica e cicche di sigarette. O che gettiamo per terra mascherine, scontrini, bottiglie; come se casa nostra fosse, in fondo, una grande discarica.

Il tempo per agire è sicuramente ora, perché la verità è che di tempo ne abbiamo sprecato fin troppo 

E se anche tu, come noi, una mano sulla coscienza inizi a metterla, saremo liete di accompagnarti in questo percorso verso il rispetto per l’ambiente e per tutti i suoi abitanti. Questa rubrica, infatti, si presenta sì come fonte di informazione, su quelle che sono e che potranno essere le buone pratiche per il futuro, ma soprattutto vuole dare dei piccoli suggerimenti su cosa fare nel concreto e ciò non significa cambiare radicalmente le proprie abitudini, ma dare un messaggio ancora più forte: Io partecipo, io mi prendo cura di casa mia. 

Siamo Giulia e Marta, due giovani donne con percorsi di studi totalmente diversi: ci accomunano qualche amica e la nostra amata città, Genova. Entrambe ci siamo trovate più volte, come quasi tutti i giovani d’oggi, a odiare questo luogo, perché troppo stretto, troppo chiuso, troppo menefreghista. Più volte siamo scappate con la rabbia e la voglia di non tornare, ma ogni volta siamo tornate. Perché Genova è un luogo speciale, si sa. Marta è tra le due la più esperta e sensibile verso l’ambientalismo, ha già intrapreso il cammino del cambiamento e durante questo viaggio ha incontrato Giulia pronta a mettersi in gioco, ma soprattutto pronta a partecipare e divulgare.

Zena Verde
Via di Ravecca, Genova. Foto di Marta G

L’obiettivo di questa rubrica sarà quello di farvi conoscere realtà locali che possono aiutarvi a rendere più facile la nostra rivoluzione. Sarà messaggera dei benefici che la sostenibilità, le scelte green e i prodotti bio portano non solo alla nostra terra, ma a noi stessi. Vi faremo riscoprire, tramite esperti, cosa significa mangiare frutta e verdura di stagione, utilizzare prodotti naturali e piccole accortezze per grandi impatti ambientali. 

In poche parole?

Provvederemo a fornire piccoli consigli quotidiani su come e cosa cambiare nella vita quotidiana senza troppi sforzi, informare liberamente e creare un network locale a cui rivolgersi in caso di dubbi e curiosità su questo argomento, ormai sulla bocca tutti ma nelle mani di pochi.

Articolo di:
Giulia Ma. e Marta G.

Immagine di copertina:
Giardini di Plastica, Via del Colle, Genova. Foto di Folco Masi


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.
Oppure scrivi un commento nel form qui sotto.


Le sue cittadinanze sono quella europea e genovese. Laureata in Comunicazione e laureanda in Human Rights. Attivista h24, ha una passione per gli indiani del nord America, per i diritti dei carcerati e delle donne. Ama viaggiare, il trekking, i tatuaggi e gli Ex-otago. Le piacciono le storie dei dimenticati e scrivere. Scrive ovunque, scontrini della spesa compresi. Estremamente disordinata e maniacalmente organizzata, appassionata di astrologia, lettura fantasy e della marvel.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Beatles a Genova
Articolo Precedente

A Day In The Life. I Beatles a Genova

Orti di Staglieno
Prossimo Articolo

Gli Orti di Staglieno, un’avventura tra agricoltura eroica e inclusione sociale

Ultimi Articoli in Medium