8 marzo

Pellicole sulla condizione femminile, qualche suggerimento

Festeggiare l’8 marzo attraverso il cinema. Cosa guardare?

309 views
6 min
8 marzo
Silvia Mazzella, A19. Still video, 2020. Courtesy of Silvia Mazzella.

L’8 marzo è una festa per molti superflua: c’è chi sostiene che la festa della donna serva a ben poco perché, anziché valorizzare la bellezza della differenza tra uomo e donna, sottolineerebbe solamente un’ulteriore disuguaglianza. È ovvia e necessaria la differenza tra ognunə di noi, tra i vari generi e tra i vari individui all’interno dello stesso genere – scusatemi tanto, ma io sono contenta di non essere identica allɜ altrɜ, perché sono le differenze a definirci davvero.

Ciò che è profondamente sbagliato è che una differenza venga sottolineata e strumentalizzata per pura discriminazione, come purtroppo spesso avviene nei confronti delle donne.

L’8 marzo può avere un senso solo se diventa un’occasione per festeggiare i traguardi che si sono raggiunti: c’è chi si è impegnatə tanto per eliminare le diseguaglianze imposte per superiorità e ignoranza, e io quellɜ qualcunɜ lɜ voglio festeggiare. 

Chi segue da tempo il magazine sa che coltiviamo una grande passione per il cinema e quindi l’8 marzo abbiamo deciso di festeggiarlo proponendovi alcuni film inerenti al tema della condizione femminile che, secondo noi, tuttɜ dovrebbero guardare:  

The Color Purple 
(Il colore viola)

Steven Spielberg, 1986

Candidato agli Oscar come miglior film, Whoopi Goldberg come migliore attrice protagonista, miglior attrice non protagonista e miglior regista, è un film che racconta e combatte due “differenze” che portano a una doppia lotta per l’emarginazione. Lasciate che lo dica… Un film pazzesco. 

Siamo agli inizi del Novecento e Celie, una giovane donna afroamericana, continua a finire accanto a uomini che la violentano e la maltrattano, viene costretta a staccarsi dai suoi figli (avuti a causa degli stupri di suo padre) e sempre di più la sua vita sembra fatta di tutto tranne che di felicità amore e speranza. Tutto sembrerà cambiare grazie a un incontro con una donna che lotta per la sua indipendenza e che fa comprendere a Celie di avere una dignità e un orgoglio e di essere una donna che sa di dover pretendere di essere trattata con amore e correttezza. E che matura la forza di lottare per i suoi diritti civili.

Trailer:

Colette

Wash Westmoreland, 2018 

Film biografico basato sulla vita della scrittrice Gabrielle Sidonie Colette. Colette viene introdotta  dal marito Willy nei salotti letterari e artistici Parigini. La giovane si mostra subito molto intelligente e acuta e inizia a farsi spazio in quel mondo comprendendo presto di avere un grande dono: saper scrivere.

A Parigi, la sua vita, i tradimenti e gli intrighi che la circondano la ispirano per la scrittura di alcuni racconti che garantiranno un enorme successo a suo marito e non a lei. Colette è una vera e propria icona a cui molti si ispirano per parlare di emancipazione femminile e anche di sessualità. 

Trailer:

Carol

Todd Haynes, 2015

Con 6 candidature agli Oscar, il film si apre nell’America degli anni Cinquanta. Il regista gira una pellicola sull’amore lesbico analizzando le convenzioni sociali di quell’epoca.

Therese Belivet (Rooney Mara) e Carol Aid (Cate Blanchett) partono insieme per un viaggio in giro per l’America. Per la strada però il loro rapporto si fa sempre più intenso, finché le due donne non si rivelano di essersi innamorate. Purtroppo però il divorzio di Carol si mette in mezzo e la paura che possa la notte di passione tra lei e Therese venire a galla è molto forte. Carol sa che se si scoprisse del loro amore non otterrebbe mai la custodia del figlio, perciò si allontanerà bruscamente da Therese. 

Trailer:

Bombshell
La voce dello scandalo

Jay Roach, 2019

Basandosi su fatti realmente accaduti e senza aver paura di fare nomi e cognomi, Jay Roach racconta la storia delle tre donne che hanno spodestato Roger Ailes, direttore di Fox News.

Interpretate da Nicole Kidman, Charlize Theron e Margot Robbie queste tre donne con forza e coraggio decidono di lottare contro un sistema fatto di abusi che nessuno aveva il coraggio di denunciare. 

Trailer:

Immagine di copertina:
wall:in media agency su opera di
Silvia Mazzella, A19.


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.
Oppure scrivi un commento nel form qui sotto.


Genovese doc e aspirante tuttologa. Tra diverse lauree e studi, dal mondo umanistico a quello medico/sanitario, nel 2019 fonda con Arianna e Silvia l'associazione culturale MIXTA. Amante di cibo, chiacchiere e vino le sue più grandi passioni sono l'arte e il cinema. Motto: un film al giorno toglie il medico di torno.

Articolo Precedente

Ora e sempre l(’)otto marzo

Prossimo Articolo

Linguaggio non sessista e linguaggio inclusivo

Ultimi Articoli in Medium

Visionary Days 2021

Quanto veloce sarà il domani? Come siamo arrivati all'attuale velocità? Alla frenesia di questi anni? Ai