Monumento Fieschi Musei di Genova

Il work in progress di un capolavoro: rinasce il Monumento Fieschi

Martedì 9 novembre 2021 si è tenuta la conferenza mid-term sul restauro del Monumento Fieschi. Ecco gli aggiornamenti dei lavori in corso.

182 views
6 min

124 frammenti marmorei di varie dimensioni, una parete di otto metri e un museo genovese. Questi gli elementi al cuore del progetto “Rinasce un capolavoro: il Monumento Fieschi al Museo Diocesano di Genova”

Le maggiori istituzioni politiche, culturali e religiose, importanti enti privati e un team scientifico composto da architetti, professori di storia dell’arte e restauratori: questi gli attori della suddetta iniziativa, volta a ricomporre e presentare al pubblico in una nuova modalità espositiva uno dei più grandiosi e complessi monumenti funerari medievali: tomba del Cardinale Luca Fieschi (1270 – 1336). 

Martedì 9 novembre 2021 si è tenuta la Conferenza di mid-term per presentare un aggiornamento dei lavori fino ad adesso svolti. 

Ad aprire l’intervento è stato padre Mauro de Gioia, direttore dell’Ufficio Beni Culturali. Sono poi intervenuti Massimo Bertoletti, della Soprintendenza, Nicoletta Viziano, del Comitato di Gestione della Fondazione Compagnia di San Paolo e l’assessore Barbara Grosso del Comune di Genova, tutti d’accordo nell’affermare l’impegno delle rispettive istituzioni nel sostenere il progetto e nel valorizzare e rendere fruibile questo bene comunitario. 

Ha poi preso parola Paola Martini, direttrice del Museo Diocesano di Genova, che si è dichiarata entusiasta di quella che ha definito “un’avventura complessa ed entusiasmante”.

Per realizzare un progetto talmente elaborato ed ambizioso sono stati fondamentali i contributi di vari sostenitori, fra cui Fondazione Compagnia di San Paolo, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, la Camera di Commercio di Genova, Coop Liguria, Fondazione Conservatorio Fieschi, Conferenza Episcopale Italiana e RAEL srl, e la collaborazione con alcuni enti territoriali, come il Comune e l’Università di Genova.

Il progetto si configura quindi come strettamente legato al proprio territorio, prevedendo anche tra i futuri sviluppi quello di diffondere l’iniziativa in altri luoghi legati al nome della famiglia Fieschi, come Crocefieschi, Cogorno, Montoggio e Pontremoli.

Monumento Fieschi Musei di Genova
Presentazione conferenza Mid-Term sul restauro del Monumento Fieschi. Foto Museo Diocesano di Genova

Dopo questa prima introduzione, la discussione si è fatta più tecnica con gli interventi dell’équipe scientifica che ha presentato i lavori svolti nell’ultimo anno

L’architetto, progettista e direttore dei lavori Giovanni Tortelli ha raccontato brevemente la tormentata vicenda del monumento, realizzato nel Trecento per la Cattedrale di San Lorenzo, smontato e rimontato più volte, conservato parzialmente nella Chiesa di Sant’Agostino e poi riunito nel deposito sotterraneo del Museo Diocesano nel 1991.

Con questa premessa, ha affermato che la ricostruzione completa del Monumento è impossibile, sia perché non se neconoscono le fattezze originarie, sia perché il monumento è giunto a noi in modo piuttosto frammentato. Pertanto, quello che il progetto mira a realizzare è l’evocazione dell’artefatto attraverso un attento studio dei frammenti, il loro restauro e la progettazione di una nuova modalità espositiva.

Tortelli ha inoltre mostrato le fotografie dei lavori in corso della sala dove la tomba verrà ricostruita: per permettere ai visitatori di avere un’idea più vicina alla realtà di quello che un tempo era l’aspetto del monumento, è stato abbattuto un soffitto realizzato negli anni Novanta per creare una parete di 8 metri e dare spazio alla ricostruzione.

Il professor Clario Di Fabio, ordinario di Storia dell’Arte Medievale presso l’Università di Genova e consulente scientifico-artistico del progetto ha sottolineato l’importanza scientifica del progetto.

Questo lavoro di riordino e ricomposizione è un’occasione unica per approfondire la conoscenza del monumento e al tempo stesso contribuire all’aggiornamento degli studi sulla scultura italiana medievale. Il professor Di Fabio ha infatti dichiarato che lo studio del Monumento funebre Luca Fieschi è inserito nel progetto MemId “Memoria e identità. Riuso, rilavorazione e riallestimento della scultura medievale in Età moderna, tra ricerca storica e nuove tecnologie”.

Uno degli obiettivi previsti di questo progetto finanziato dal MIUR è la realizzazione di un convegno internazionale a Genova previsto per il 2023 che promuova anche i risultati scientifici intorno alla tomba Fieschi. 

Infine sono intervenuti i restauratori Iacco Morlotti e Romana Albini, che hanno illustrato i restauri effettuati. L’azione si è divisa in due procedimenti: da una parte la pulitura per riportare alla luce le tracce di policromia sui frammenti ed eliminare dannosi sedimenti e dall’altra lo studio e assemblamento dei 124 frammenti. 

“Rinasce un capolavoro: il Monumento Fieschi al Museo Diocesano di Genova” si configura come un progetto articolato ed ambizioso, che prende vita grazie alla cooperazione di forze di natura diversa. Oltre a produrre importanti avanzamenti circa la conoscenza di un’importantissima opera d’arte italiana, ne permette la restituzione alla comunità e ne migliora la fruizione. 

Al momento, i lavori stanno dando ottimi risultati e si attende con impazienza un nuovo aggiornamento sul work in progress e ovviamente l’inaugurazione finale.

Immagine di copertina:
Foto Museo Diocesano di Genova 


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.
Oppure scrivi un commento nel form qui sotto.


wall:out è un magazine online che approfondisce società, arti e scienza. È un progetto di condivisione di informazione, idee e punti di vista.

È un sisma con epicentro Genova.

Articolo Precedente

Gemellaggio Genova-Tursi

Prossimo Articolo

La tavola della Crocifissione di Giovanni Mazone

Ultimi Articoli in Medium

Visionary Days 2021

Quanto veloce sarà il domani? Come siamo arrivati all'attuale velocità? Alla frenesia di questi anni? Ai