Teatro della Tosse

Il Teatro della Tosse resiste ON LIFE

Il Teatro della Tosse non rinuncia a ideare occasioni di incontro tra teatro e pubblico, nasce così ON LIFE – Una finestra aperta sul teatro.

298 views
12 min

Son tempi duri per il mondo dello spettacolo dal vivo, eppure il Teatro della Tosse di Genova non rinuncia a ideare occasioni di incontro tra teatro e pubblico, coltivando quella dimensione costruttiva e collaborativa che da sempre distingue l’operato della Fondazione Luzzati Teatro della Tosse.

Nasce così ON LIFE, il programma del nuovo trimestre di attività ideate per non restare inermi di fronte a una situazione inimmaginabile che ha fatto precipitare in crisi d’astinenza, ormai da tempo, noi amanti del teatro. 

Da spettatrice accanita – felicemente abituata ad assistere a più spettacoli a settimana, a macinare kilometri per partecipare a una prima, a mettere da parte ogni pudore per chiedere un’intervista dal vivo – guardo con un misto di curiosità e paura il modo in cui il teatro in questo anno si è confrontato con l’inevitabile necessità di ripensarsi, mentre i concetti di presenza e collettività (su cui tutto il Teatro si basa) assumevano nuove forme e ricordavano al mondo la propria irrinunciabilità. 

«Si sono dette tante cose sul teatro in streaming, se n’è parlato benissimo e malissimo, raramente lo si è capito e si è fatta molta confusione. Una forma di teatro ibrido che incroci la performance dal vivo con la tecnologia, esiste da moltissimi anni e continuerà a esistere, a diffondersi e a svilupparsi, ma nulla ha a che vedere con la messa online degli spettacoli dal vivo; è un’altra cosa, ha un’altra funzione. E noi, caro spettatore, non intendiamo fare nessuna delle due cose, non siamo performers della scena digitale – per quanto la cosa ci affascini – e non pensiamo che vedere uno spettacolo seduti davanti ad uno schermo si avvicini neppure lontanamente all’esperienza dello spettacolo dal vivo.»

Con queste parole Amedeo Romeo, Direttore Artistico del Teatro della Tosse, presenta al pubblico il progetto di ON LIFE: c’è consapevolezza nella scelta di ricorrere a determinati dispositivi e non viene mai a mancare l’attenzione per le percezione del pubblico. Non a caso, ON LIFE si autodefinisce “una finestra aperta sul teatro”: nel momento in cui noi, spettatori e spettatrici, siamo chiusi fuori dalla sale, ci viene data la possibilità di sbriciare la vita che continua a brulicare irriducibilmente al suo interno (nonostante tutto). 

Da questo desiderio di contatto e dialogo nasce il programma di ON LIFE che propone, fino a fine marzo, numerose occasioni di fruizione in forme varie.

Video di spettacoli contestualizzati all’interno di incontri con gli artisti, call to action, laboratori, live streaming, un nuovo sito web, concerti, residenze digitali, progetti per il territorio, nuove produzioni, testimonianze e serenate d’amore per il teatro. 

Di seguito trovate le schede degli eventi in programma, per tutte le informazioni relative ai corsi e ai bandi si rimanda al sito del Teatro della Tosse

Programma completo: 

IN FONDO AGLI OCCHI 

6 febbraio h. 21.00 / live streaming 

di e con Gianfranco Berardi Gabriella Casolari, regia César Brie, produzione Fondzione Luzzati Teatro della Tosse 

Presentato per la prima volta nel 2013 e nominato per la miglior regia al festival “Teatri del Mondo” torna in scena in una versione ripensata per il web. Uno spettacolo sulla malattia e sulla crisi che ne deriva, in cui l’elemento autobiografico degli artisti e quello universale vanno di pari passo. 

In scena una barista, Italia, delusa e abbandonata dal suo uomo, e Tiresia, suo socio e amante, non vedente, raccontano la propria storia, i propri sogni mancati, le proprie debolezze e le proprie speranze in un bar di un paese dove «Non è rimasto più nessuno…perché ci vuole talento anche per essere mediocri…». Sono stati, sono e saranno sempre in “crisi” come il paese in cui vivono, logorati dalla propria esistenza oltre che dal proprio rapporto.

Chi è più cieco di chi vive, senza avere un sogno, una prospettiva davanti a sé, di chi essendone consapevole, non può far altro che cedere alla disperazione? Un paese cos’è in fondo se non le persone che al suo interno vivono e si muovono? Un paese non sono le case, non sono le chiese, né i bar o le istituzioni, ma la gente che le abita e dà loro valore.

ISTANBULBEAT

20 febbraio h 21.00 / live streaming da Agorà

di e con Deniz Özdoğan, regia di Aleph Viola, con Tommaso Rolando, Rubén Esposito

Dopo il debutto nel 2019 a La Claque, anche Istanbulbeat torna in una versione live pensata per lo streaming. Uno spettacolo che è, di fatto, un viaggio in 7 capitoli, una dedica di Deniz Ozdogan alla sua alla sua città, un tributo a questa grande madre, croce e delizia della multiculturalità.

Istanbulbeat è atto di riscrittura della propria storia in cui s’incontrano con amore i fantasmi del passato, per aprire una porta sul presente, in una fase così violenta della storia della Turchia. 

Una cantata, un omaggio, un tentativo di riconnessione.

GIUSTO – nuova produzione

27 febbraio h. 21.00 / live streaming prove incontro 

di e con Rosario LIsma, produzione Fondazione Luzzati Teatro della Tosse

Giusto è un impiegato intelligente, mite e fin troppo educato in un mondo grottesco di spietato cinismo. I suoi colleghi d’ufficio, all’Inps di Milano, sono un microcosmo di ridicole creature animali, in cui lui si sente straniero e solo. Abita in un appartamento in condivisione con una che non c’è mai e con Salvatore, un calabrone enorme che passa il tempo dipingendo finestre sulle pareti. Per poi provare a passarci attraverso. 

Giusto è il nuovo spettacolo di Rosario Lisma prodotto dalla Fondazione Luzzati Teatro della Tosse.

Un monologo scritto nel 2020, in pieno lockdown.Il 27 febbraio in live streaming una prima presentazione del lavoro in dialogo con il pubblico, in un incontro accompagnato da estratti video delle prove.

ART 

6 marzo h 21.00 Incontro streaming ed estratti video 

di Yasmina Reza, regia Emanuele Conte, con Luca Mammoli, Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, produzione Fondazione Luzzati Teatro della Tosse 

Art è la nuova produzione della Fondazione Luzzati Teatro della Tosse per la regia di Emanuele Conte con Luca Mammoli, Enrico Pittaluga e Graziano Sirressi, tre attori del collettivo Generazione Disagio, ormai parte integrante della compagnia del Teatro della Tosse.

Lo spettacolo, che ha terminato le prime acclamate repliche subito prima dell’ultima chiusura delle sale, torna il 6 marzo in una nuova forma: un live streaming in cui la compagnia dialogherà con il pubblico accompagnata da alcuni estratti video dello spettacolo.

Art è una commedia crudele e divertente sull’amicizia, tradotta in oltre trenta lingue: tre amici si confrontano sulla qualità artistica di un quadro completamente bianco, discutendo sul prezzo per il quale è stato acquistato da uno dei tre. La discussione diventa presto un dibattito dai toni accesi sull’arte contemporanea e sfocia in un violento litigio che non riguarda più l’arte, ma il loro stesso rapporto di amicizia. In un crescendo di dialoghi serrati, i tre protagonisti sveleranno personalità e nevrosi, arrivando a incrinare, forse in modo irreparabile, il loro rapporto.

LA FINE DEL TEMPO 

13 Marzo h. 21.00 / live streaming 

un progetto di Eutopia Ensemble da un idea di Matteo Manzitti Regia di Adel Oberto

In collaborazione con Itinerari Paralleli, Unione Musicale, Fondazione Luzzati Teatro della Tosse, Palazzo Ducale – Fondazione per la Cultura, GOG – Giovine Orchestra Genovese, Associazione Memoria della Benedicta

Basato sulla storia del Quatuor pour la Fin du Temps di Olivier Messiaen – a 80 anni dalla prima esecuzione del brano presso il campo di prigionia Stalag VIIIA di Gorlitz – La Fine del Tempo sarà un prodotto multimediale: in parte documentario, in parte lezione e concerto, 

Il progetto, che vuole essere uno strumento innovativo di divulgazione culturale ad ampio spettro, spazierà tra musica, fisica, storia, filosofia e scienze naturali. 

CONCERTO PER LA PRIMAVERA (che tarda a venire)

20 marzo h 21.00 / live streaming Agorà

un concerto che è il giro di boa di un lunghissimo anno di chiusure e aperture. 

Attraverso un invito a partecipare rivolto a tutti i musicisti del territorio saranno selezionati i gruppi che si esibiranno nel corso della serata . Il concerto, trasmesso online sui canali Facebook, Instagram e Youtube in live streaming – e ci auguriamo anche live con pubblico in sala – è l’unico appuntamento del trimestre a pagamento: l’incasso sarà infatti devoluto al fondo privato Scena Unita per i lavoratori della musica e dello spettacolo.

Tutto il programma ONLIFE sarà disponibile per il pubblico gratuitamente, escluso il concerto del 20 marzo. Gli appuntamenti saranno tutti trasmessi, secondo il calendario, in diretta oltre che sulla pagina Facebook Teatro della Tosse anche su YouTube e Instagram.

Per informazioni:

Botteghino
tel. 010 24 70 793 o promozione@teatrodellatosse.it
dal lun al ven dalle 15 alle 19

Aggiornamenti e dettagli sul sito www.teatrodellatosse.it e sulla pagina Facebook Teatro della Tosse.

Immagine di copertina:
Fonte Teatro della Tosse


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.
Oppure scrivi un commento nel form qui sotto.


Accanita spettatrice teatrale, cinefila e amante delle storie ben raccontate, poco importa se sotto forma di romanzo, danza o poesia. Una laurea in lettere e spettacolo le ha permesso di coltivare la sua passione smodata per la performance. Grazie a «Birdmen Magazine», di cui è caporedattrice, le capita raramente di stare a lungo nello stesso posto.

Articolo Precedente

Idee di mobilità: Genova elettrificata entro il 2025

Prossimo Articolo

Il G8 di Genova e quella fake news prima dell’epoca delle fake news

Ultimi Articoli in Large