Il mondo delle api

Il mondo delle api | I consigli di Zena Verde

Le api sono responsabili dell’80% del cibo che mangiamo e senza il loro lavoro di impollinazione non avremmo circa 106 tipologie di frutta e verdura.

247 views
6 min

Da sempre ci sentiamo ripetere che le api sono esseri essenziali per la nostra sopravvivenza, ma spesso ci troviamo infastiditi da questi piccoli insetti senza riconoscerne la giusta importanza.  

Se è vero che i loro prodotti (miele, cera, propoli, pappa reale) sono molto noti e apprezzati dall’uomo per le alte proprietà nutrizionali e benefiche, le api, svolgono un ruolo fondamentale anche per circa l’80% del cibo che mangiamo quotidianamente e, grazie al loro instancabile lavoro di impollinazione, permettono la continua fecondazione di più di un milione di miliardi di fiori l’anno, tra cui il 90% di fiori di campo.

Un ruolo essenziale

Questo meraviglioso e inarrestabile insetto, spostandosi da una pianta all’altra, raggiunge più di 170.000 specie vegetali. Senza le api e il loro operato, noi non avremmo a disposizione circa 106 tipologie di frutta e verdura, e inoltre non sarebbe più possibile la raccolta di caffé e cacao.

Gli insetti impollinatori, come le api, svolgono in natura un ruolo essenziale e insostituibile come servizio di regolazione dell’ecosistema – l’impollinazione artificiale ad oggi, oltre a costare notevolmente, non garantisce la stessa efficienza e lo stesso risultato che si ottiene in modo naturale. 

Purtroppo, nel corso degli anni, il numero di api si è drasticamente ridotto a causa dell’azione invasiva dell’uomo. L’eccessivo utilizzo di pesticidi, utilizzati in agricoltura per difendere le colture da insetti e parassiti come la vespa velutina, portatrice di malattie, hanno comportato pesanti effetti negativi anche sulle api, sterminandole.

A queste, si aggiungono anche i fenomeni della cementificazione e del cambiamento climatico, i quali stanno compromettendo in maniera quasi irreversibile la ricchezza della biodiversità del pianeta.

Anche le grandi organizzazioni come l’ONU hanno iniziato a dare l’allarme e portare il problema sotto i riflettori, istituendo a partire dal 2017 la Giornata Mondiale delle Api, una giornata apposita da dedicare alla salvaguardia di questi formidabili insetti (il 20 maggio). Un altro esempio è Greenpeace, che denuncia l’uso intensivo di pesticidi e promuove pratiche agricole sostenibili per la tutela delle api.

Il mondo delle api
Foto di Marta Gaggero

I consigli di Zena Verde

Data la loro importanza, come possiamo aiutare le api nel nostro piccolo? 

Innanzitutto, possiamo utilizzare lo spazio sul nostro balcone o giardino per coltivare delle piante che possano dare cibo alle api impollinatrici. Da prediligere sono le piante tipiche del nostro clima, come girasoli, lavanda, tarassaco, ma anche piante aromatiche come rosmarino e salvia, se lasciate fiorire.  

Passando poi ai prodotti legati alle api, è preferibile l’acquisto di miele biologico e di altri prodotti da un apicoltore della propria zona. Un’azione molto utile per incentivare gli stessi apicoltori a portare avanti un’apicoltura etica e rispettosa delle api e dell’ambiente.

Tra i produttori locali, troviamo il miele di Elio Verni, la cui intera produzione è biologica certificata da CCPB dal 1995. Le api mielificano all’interno del parco regionale del monte Antola dai primi anni del 2000, un ambiente incontaminato e protetto, dove i cardini dell’apicoltura biologica sono tutelati e onorati. 

Anche OrtoBee, azienda agricola situata sulle alture di Quezzi, promuove questo tipo di pratica. Ortobee è una rete di imprese agricole genovesi, che nasce dall’idea di Matteo e Davide con lo scopo di tornare a coltivare la terra come facevano i nostri nonni, con il massimo rispetto per il prodotto, prestando attenzione ai tempi della semina, alla scelta dei concimi e alla stagionalità.

Una pratica che conferisce una cura attenta ad animali e prodotti. Una volta alla settimana inviano box ai clienti, le quali contengono ciò che i naturali ritmi dell’orto hanno consentito di coltivare e raccogliere.

Il mondo delle api. Ortobee
Le api di OrtoBee. Foto di OrtoBee

Da non dimenticare, su tutto il territorio nazionale, la possibilità di adottare un alveare.

Un gesto semplice che può trasformarsi in un regalo originale, che può rappresentare un grande contributo per le api e per gli apicoltori.

Sul sito di 3bee è possibile scegliere un apicoltore italiano, cui sono state fornite nuove tecnologie e servizi di monitoraggio, il tuo miele preferito e il tuo alveare, che potrà essere costantemente monitorato accedendo al portale dedicato. Grazie ai sensori 3bee, infatti, si possono controllare il peso, l’umidità, la temperatura e i suoni all’interno dell’alveare che decidi di adottare.

Per fare la differenza basta poco. L’importante è agire, sempre.

Immagine di copertina:
Foto di Thomas Schiewer


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.
Oppure scrivi un commento nel form qui sotto.


Zena verde nasce dall’idea di due giovani donne genovesi Giulia e Marta. Con due percorsi formativi totalmente differenti, la prima in Comunicazione e Diritti Umani la seconda in Ingegneria Edile-Architettura. Unite dalla passione per il mare, per Genova e contro ogni forma di ingiustizia, decidono di dar vita a Zena Verde, che vuole essere una rubrica promotrice del cambiamento attraverso l’informazione e la scoperta di realtà locali, sostenitrici della nostra rivoluzione eco-sostenibile.

Giovanni De Gara Eldorato
Articolo Precedente

Una porta per i migranti

Prefisso
Prossimo Articolo

Genova tu sei...il numero 1! O quasi

Ultimi Articoli in Medium

Una porta per i migranti

Arte contemporanea che riflette sulle migrazioni, sulla terra promessa, sull'accoglienza e sui principi cristiani.