Marino Marini in mostra alla GAM di Genova

I cavalieri di Marino Marini: la mostra alla GAM

Dal 23 luglio al 14 novembre 2021 le sale della Galleria d’Arte Moderna accolgono le opere dello scultore Marino Marini.

61 views
2 min

Da qualche tempo, l’ultimo piano della GAM di Nervi è curiosamente gremito di sculture, tele e disegni di cavalli e cavalieri. 

Chi sono queste figure? 

Sono i personaggi di Marino Marini, scultore italiano che nel corso del Novecento utilizza questo motivo per approfondire le ricerche sulla forma e sulla materia, oscillando tra istanze classicistiche e d’avanguardia. 

Osservando le opere disposte nelle sale, appare evidente come la ricerca sulla plasticità della materia prenda il sopravvento sulla forma stessa, ponendo in secondo piano l’esigenza di verosimiglianza e di rispetto delle proporzioni. Con le loro anatomie libere, i cavalieri in bronzo di Marini sfidano le leggi naturali. Le parti singole dei corpi dei cavalli raffigurati nelle tele, come teste, gambe e posteriori, invitano i visitatori a ricomporre l’immagine intera nelle loro menti. 

Quando Marini presenta questi personaggi, non intende rendere omaggio alla figura del valoroso guerriero in sella di un prestante destriero.

Il suo obiettivo è quello di sfidare la materia e spingerla verso i suoi limiti espressivi. Cavalli e cavalieri scoppiano di sostanza e fanno quasi venire voglia al pubblico di toccarli per tastarne la consistenza ed esplorarne le superfici.

La mostra è stata curata dalla Fondazione Marino Marini, Pistoia e inaugura una serie di esposizioni dedicate agli artisti italiani dell’Ottocento e del Novecento che si terranno nei prossimi mesi alla Galleria d’Arte Moderna.

Marino Marini in mostra alla GAM di Genova
Cavalieri di Marino Marini in mostra alla GAM di Genova. Foto di Maria T.

Immagine di copertina:
Cavaliere di Marino Marini. Foto di Maria T.


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.
Oppure scrivi un commento nel form qui sotto.


Storica dell’Arte laureata con una tesi sui bestiari medievali presso il Courtauld Institute of Art di Londra. Negli ultimi anni trascorsi tra Italia, Germania e Inghilterra si è interessata di storia dell’arte medievale, musei, didattica e divulgazione. Europea ma genovesissima.

Articolo Precedente

Balkani: una macchinetta usa e getta, otto capitali e un’avventura in solitaria

Prossimo Articolo

Generazioni a confronto, arte e città: uno sguardo sul weekend passato

Ultimi Articoli in Small

Dormitorio a chi?

La voce di Pra’ tra educazione alla bellezza e socialità. Arte, musica e frisceu.