Elezioni Regionali Liguria

Elezioni sotto il sole, quale narrazione?

Non solo Sansa vs Toti. Queste elezioni ci dicono molto di più: tre riflessioni (+una) per raccontare la politica Ligure e non solo.

367 views
6 min

Alla fine si è deciso. Dopo una lunghissima, estenuante, fase di stallo il centro-sinistra in Liguria ha partorito il proprio candidato: sarà Ferruccio Sansa a sfidare Giovanni Toti per la Presidenza della Regione Liguria. Elezioni Regionali Liguria

Finalmente il quadro è quasi completo e ne possiamo studiare alcuni aspetti, che danno alla sfida elettorale ligure una luce particolare. 

1 Anzitutto l’alleanza tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle.

Un’alleanza già vista in Umbria, con esiti disastrosi, e in Parlamento, dove insieme anche a Liberi e Uguali e Italia Viva, tiene in piedi il Governo. 

In questi infiniti mesi alla ricerca del candidato, più volte si è rischiata la rottura, ma il diktat da Roma è sempre stato lo stesso: l’alleanza si deve fare. La Liguria è stata quindi scelta dai tessitori delle manovre politiche nazionali come laboratorio politico, dove sperimentare quello che potrebbe diventare il nuovo panorama del centro-sinistra in tutto il Paese: PD e M5S uniti stabilmente, anche sulla scheda elettorale.

Dopotutto i vaffa-day e i musi duri tra i due partiti sono oramai finiti da tempo, così Di Maio e Franceschini vanno a braccetto nel tentativo di sostenere il Governo e fermare l’avanzata del duo Salvini-Meloni.

In Liguria i sondaggi ci dicono che difficilmente questa formazione convincerà la maggioranza degli elettori, ma il vero esperimento è più di tipo relazionale che elettorale: riusciranno a convivere gialli e rossi? 

2 A contendersi la Regione saranno due giornalisti, in tempi diversi presi dal mondo dell’informazione (Toti da Canale 5 e Sansa dal Fatto Quotidiano) e venduti alla politica.

Una commistione, quella tra giornalismo e politica sempre più frequente: ricordate Paragone, convertito da La 7 a Senatore, prima del M5S e poi del movimento No Europa-Italexit? Viene allora da chiedersi se sia la politica ad essersi avvicinata al giornalismo o viceversa.

Sicuramente lo scenario politico è sempre più permeato dalla comunicazione: incessante e opprimente a tal punto da mettere sempre più in secondo piano il contenuto. Un’evoluzione in cui tutti siamo coinvolti, non solo chi la politica la fa di mestiere; dalle discussioni al bar, ai post su Facebook tutti parlano di “come è stato detto” e di “cosa bisogna dire”.

E il mondo del giornalismo? Forse quello è sempre stato politicizzato, in un paese dove i giornali (e i telegiornali) sono sempre stati più utili a fare da trampolini di lancio al politico che informazione e garanzia per il cittadino.

Ed ecco allora che la Liguria, nella sua contesa elettorale estiva, diventa specchio di una realtà consolidata. 

3 Non ci sono soltanto Sansa e Toti

In seconda linea vi sono altri due corridori: Aristide Fausto Massardo e Alice Salvatore (ai quali, con tutta probabilità potrebbe aggiungersi qualche altro avventuriero).

Il primo è uno stimato professore d’ingegneria, amatissimo dai suoi studenti e consulente per Rolls Royce. La seconda, studentessa disoccupata, ha vinto le primarie online del M5S sei anni fa con qualche centinaio di voti, è favorevole ad un ritorno alla Lira e ora fa la consigliera regionale.

Due profili distantissimi tra loro, eppure entrambi rappresentano un ulteriore affresco della politica ligure e nazionale: il personalismo. 

Alice Salvatore qualche mese fa, appena capì che il Movimento non l’avrebbe ricandidata in qualità di Presidente (garantendole quindi una rielezione – quasi – sicura), se n’è andata, fondando un altro movimento, chiamato “il Buonsenso”, che trova nell’acqua pubblica il suo primo elemento  programmatico fondante e un ritratto della stessa Salvatore come elemento caratterizzante del simbolo elettorale. 

Aristide Fausto Massardo si auto-propose come candidato Presidente del Centro Sinistra in Gennaio. Nel frattempo si sono contati sui giornali circa altri trentacinque nomi papabili per rappresentare la coalizione di centro-sinistra. Lui è rimasto in piedi fino alla fine, a contendere il posto a Ferruccio Sansa; un solo obiettivo: la coalizione più larga possibile per battere Giovanni Toti. Ma PD e M5S hanno scelto il giornalista del Fatto, così Massardo, abbandonato dalla coalizione, ha scelto di fare il candidato della sola Italia Viva, il partito di Renzi.

Il celebre professore e la giovane promessa populista, volevano battere Toti, ma rischiano di rappresentare unicamente se stessi. 

Infine si potrebbe ancora scrivere della sconfortante lentezza ed incapacità del Partito Democratico e della sua classe dirigente a trovare un candidato che vada bene a tutti. Ma allora credo che l’esito di tale riflessione sarebbe scontato. 

Immagine di copertina:
Foto di Lorenzo R.


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.
Oppure scrivi un commento nel form qui sotto.


Alpinista, cuoco e politico. Insieme ad alcuni amici ha fondato l’associazione Supernova, per promuovere la buona politica in città. Ogni tanto scappa in montagna a cercare il ghiaccio (anche perché fra qualche anno sarà tutto sciolto). Amatore della buona cucina e scarso giocatore di tennis.

Unità di Strada
Articolo Precedente

Uso di sostanze e leggende metropolitane – Quattro chiacchiere con l’Unità di Strada genovese

Don Raffaè
Prossimo Articolo

Forse non sapevi che Don Raffaè..

Ultimi Articoli in Medium

Identità liquide

Un tentativo di riflessione sul discusso rapporto tra social e identità: cosa significa davvero essere digitali?