The Neon Demon

CINEMATIC*PILLS | The Neon Demon

Il regista Nicolas Winding Refn ci propone un film costruito su intensità cromatiche, luci e corpi. Voto 8.6

181 views
5 min

Review

Fotografia
9.5/10
Sceneggiatura
7.5/10
Colonna Sonora
8.5/10
Regia
9/10
Overall
8.6/10

CINEMATIC*PILLS | The Neon Demon

2016, regia di Nicolas Winding Refn

Trama 

Jesse, Elle Fanning, in apparenza una ragazza indifesa di sedici anni, si trasferisce dalla Georgia a Los Angeles per perseguire il sogno di diventare modella ma dal suo arrivo in città sembra che qualcosa di inquietante debba succedere.

Recensione

La sua figura così vulnerabile non è poi da considerarsi tanto innocua come potremmo immaginare: Jesse è l’immagine a cui tutti vogliono assomigliare, non tanto per la sua sessualità o per le curve del suo corpo ma per quello che quel corpo emana attirando a sé chiunque la circonda.

L’immagine con cui viene identificata è il neon a forma di triangolo rovesciato, simbolo utilizzato anche come logo del film: questo segno sembra essere quasi l’immagine di un utero, simbolo di una femminilità attribuibile solo a Jesse e non alle altre donne “bioniche” perfette e invidiose dell’adolescente.

Luci e colori

Luci, neon, colori, musica, sagome e immagini svuotate di un senso: attraverso questi elementi il regista ci propone una visione di una società contemporanea non del tutto reale perché estremizzata e distorta, i personaggi non sono reali così come le loro pose e i colori che li abbagliano. 

Il regista ci propone un horror colorato ed esteticamente meraviglioso dietro al quale però vi è qualcosa di atroce. Rosso e Blu sono i due colori dominanti e ricorrenti, il primo indica il pericolo, il secondo il narcisismo che porta sempre a una rovina. 

La luce nel film è paralizzante ed è l’elemento scatenante della follia nei confronti di Jesse; la ragazza infatti emana una nuova e splendida luce di cui sarà realmente consapevole dopo qualche periodo all’interno di quel mondo. 

L’aspetto estetico del film è bellissimo. L’intenso croma e luce danno forma agli spazi e agli elementi, colori molto intensi che garantiscono la forma dell’oggetto e dell’immagine. Le sfumature dei colori sono in questo caso essenziali perchè il colore stesso diviene il mezzo con cui si descrivono e si delineano gli elementi. 

I piani sequenza sono lunghi e questo particolare utilizzo del colore li rende quasi ipnotici.

Rapporto bellezza-morte

Jesse e la sua bellezza sono sempre messi in rapporto con la morte: più volte si propone l’immagine di corpi che sembrano cadaveri, immobili bianchi e dalle pose innaturali così come le espressioni dei volti o meglio un’assenza di espressioni per non deturpare il viso.

Le modelle inquadrate vengono totalmente plasmate e create da ciò a cui si vuole aspirare e di loro appare quindi solo una terribile artificiosità. 

Il regista ci parla di un’ossessione riguardo la bellezza, ossessione che viene analizzata attraverso l’oggettivazione dei corpi femminili: vengono svuotati di un’ individualità e resi inanimati per la privazione sia di emozioni che speranze. 

Il vuoto che si crea cercherà di essere colmato nell’atto che compiono Gigi Ruby e Sarah nei confronti di Jesse: queste “donne” uccidono Jesse proprio per impossessarsi della bellezza che la contraddistingue, emblematico in tal senso è quindi il cannibalismo e la doccia nel sangue che chiudono il film. 

Perchè d’altronde cosa fanno i demoni? Si impossessano dei corpi per vivere.

All’inizio del film la truccatrice Ruby riferendosi ai rossetti, afferma che ogni donna sceglie il colore di rossetto in base se questo si riferisce o a del cibo o a un fine sessuale. Ruby allo stesso modo si approccerà a Jesse, prima cercando di stuprarla ma venendo respinta, poi attraverso un vero e proprio rituale di sangue. 

Ma di cosa vuole parlarci Nicolas Winding Refn?

L’oggettificazione del corpo della donna per la ricerca di una bellezza assoluta è sicuramente la tematica di maggior rilievo nel film e più volte ci si pone davanti alla domanda cosa rende davvero femminile una donna? le sue curve, la sua perfezione o la sua naturalezza?

Sebbene il regista non arrivi mai a determinare cosa sia da identificare come giusto o sbagliato, i vincitori in The Neon Demon sono il demone e l’immagine di un mondo privo d’anima.

Disponibile su Netflix

Trailer

Immagine di copertina:
wall:in media agency


Scrivi all’Autore

Vuoi contattare l’Autore per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.
Oppure scrivi un commento nel form qui sotto.


Genovese doc e aspirante tuttologa. Tra diverse lauree e studi, dal mondo umanistico a quello medico/sanitario, nel 2019 fonda con Arianna e Silvia l'associazione culturale MIXTA. Amante di cibo, chiacchiere e vino le sue più grandi passioni sono l'arte e il cinema. Motto: un film al giorno toglie il medico di torno.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Esplosione di Beirut
Articolo Precedente

La forza dell’esplosione di Beirut

Andy Caraway Saint Victoire project
Prossimo Articolo

Il nudo artistico di Andy Caraway

Ultimi Articoli in Medium