Architetture Genovesi del Novecento nelle collezioni della Wolfsoniana

“Architetture genovesi del ‘900”: una mostra a Palazzo Ducale

Recensione della mostra “Architetture genovesi del ‘900 nelle collezioni della Wolfsoniana” visitabile a Palazzo Ducale dal 29 agosto al 27 settembre 2020.

95 views
4 min

La sala di accesso alla Cappella del Doge di Palazzo Ducale è stata trasformata in una sala espositiva che a partire dal 28 agosto e fino al 27 settembre ospita la mostra “Architetture Genovesi del Novecento nelle collezioni della Wolfsoniana”, curata da Matteo Fochessati e Gianni Franzone.

In questa anticamera – galleria sono esposti progetti urbanistici della prima metà del Novecento che hanno modificato la fisionomia urbana di Genova, contribuendo a definire l’assetto odierno di alcune aree che si dispiegano a partire dal Ponente fino ad arrivare al Levante cittadino. 

È bene subito affermare che la mostra non ha l’ambizione di proporre uno sguardo completo sulle trasformazioni urbanistiche avvenute in quei decenni ma si concentra sui progetti più significativi rinvenuti nella Wolfsoniana, coerentemente con il titolo della mostra. La Wolfsoniana è infatti famosa per conservare oggetti di arte decorativa, tra cui disegni di architettura, grafica e bozzetti, e di propaganda, in totale più di diciottomila in tutto, risalenti al periodo tra il 1890 e il 1945. 

La mostra

Il percorso propone al visitatore una rassegna di bozzetti dalle dimensioni variabili, realizzati in una varietà di tecniche, dalla matita su lucido alla tecnica mista su copia eliografica. Gli autori di questi schizzi sono quasi tutti personalità che hanno avuto poi un ruolo importante nello sviluppo del razionalismo fascista. Fra di essi spiccano l’autore del Palazzo Terzano in piazza Dante, Giuseppe Crosa di Vergagni, il cui stile è caratterizzato dal superamento del liberty attraverso una rivisitazione della tradizione, e l’ideatore del progetto di Piazza della Vittoria, Marcello Piacentini, che fuse nelle sue architetture classicismo e razionalismo moderno. 

Architetture Genovesi del Novecento nelle collezioni della Wolfsoniana
Giuseppe Crosa di Vergagni. Palazzo Terzano in Piazza Dante, Genova. Schizzo prospettico. 1937-1938, matita su lucido. Wolfsoniana. Foto di Maria T.

La scelta di presentare un numero limitato di opere non rappresenta di per sé un limite ma il visitatore si sarebbe aspettato che tale scelta fosse accompagnata da una maggior ricchezza e profondità di spiegazioni. Il corredo informativo si concentra esclusivamente in un pannello che introduce a grandi linee i progetti. Le opere esposte sono affiancate solamente da didascalie, ma si avverte la mancanza di pannelli descrittivi che avrebbero potuto illustrare il progetto, raccontarne la storia e mettere in luce le eventuali problematiche emerse. 

Architetture Genovesi del Novecento nelle collezioni della Wolfsoniana
Allestimento della mostra “Architetture genovesi del ‘900 nelle collezioni della Wolfsoniana”. Foto di Maria T.

Ciò nonostante è sicuramente piacevole osservare i bozzetti di edifici storici poi diventati iconici e riconoscibili a colpo d’occhio dai genovesi. È interessante notare come queste strutture siano state progettate, come poi siano state realizzate e come in seguito siano cambiate nel tempo arrivando ad assumere l’aspetto che conosciamo oggi.

Un esempio importante è l’ipotesi progettuale del 1905 circa la copertura del Bisagno a cura di Giuseppe Cannovale, ingegnere originario di Messina attivo a Genova sin dai primi anni del Novecento. Sebbene non sia stato esattamente questo progetto a venire realizzato, si capisce che l’idea di costruire una grande strada sul Bisagno era accolta con grande entusiasmo a giudicare dalle dimensioni, dalla precisione dei dettagli e dalle cromie vivaci del bozzetto. Come ben sappiamo però, questo progetto ha mostrato evidenti limiti, e l’immagine attuale di questa zona è molto diversa da quella idealizzata che emerge dal bozzetto.

Architetture Genovesi del Novecento nelle collezioni della Wolfsoniana
Giuseppe Cannovale. Progetto di copertura del torrente Bisagno. 1905 circa, tecnica mista su carta. Wolfsoniana. Fonte Palazzo Ducale

Architetture Genovesi del Novecento nelle collezioni della Wolfsoniana

Questo evento è su wall:in

Scarica la App di wall:in da Google Play o App Store e scopri tutti gli eventi in città.


Immagine di copertina:
Ingresso mostra. Foto di Maria T.


Scrivi all’Autore

Vuoi contattare l’Autore per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.
Oppure scrivi un commento nel form qui sotto.


Storica dell’Arte laureata con una tesi sui bestiari medievali presso il Courtauld Institute of Art di Londra. Negli ultimi anni trascorsi tra Italia, Germania e Inghilterra si è interessata di storia dell’arte medievale, musei, didattica e divulgazione. Europea ma genovesissima.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Elezioni regionali
Articolo Precedente

Elezioni regionali 2020: domande, risposte, considerazioni

Una Boccata d'Arte
Prossimo Articolo

Una boccata d’arte in Liguria

Ultimi Articoli in Medium